Sul portale www.lavorosalute.it un IMPORTANTE CENTRO di ODONTOIATRIA e IMPLANTOLOGIA DENTALE, per far fronte ad un progetto di espansione sul territorio italiano, ricerca IGIENISTI DENTALI

Ma chi è e che cosa fa un “igienista dentale”? Quale percorso di studi? Che sbocchi professionali e com’è la situazione lavorativa?

Di seguito alcune delle principali notizie per una professione per lo più al femminile e non troppo conosciuta e sponsorizzata.

Igienista dentale:
L’Igienista dentale si occupa della prevenzione delle affezioni del cavo orale, seguendo le indicazioni dell’Odontoiatra e del Medico abilitato all’esercizio dell’odontoiatria ed è un valido collaboratore dell’Odontoiatra che può agire in maniera autonoma in vari ambiti:

  • svolge attività di educazione sanitaria dentale e partecipa a progetti di prevenzione primaria nell’ambito del sistema sanitario pubblico
  • collabora alla compilazione della cartella clinica e raccoglie dati statistici
  • provvede alla rimozione del tartaro (deposito di sali di calcio alla base dei denti), alla levigatura dello smalto, all’applicazione locale di sostanze protettive
  • istruisce il paziente sulle varie tecniche di igiene orale e sui sistemi adatti ad evidenziare la placca batterica, spiegando l’utilità dei controlli clinici periodici
  • esegue le radiografie e prende le impronte dei denti per la costruzione di modelli.

Competenze:
L’Igienista dentale ha conoscenze scientifiche sia di base che specialistiche per comprendere i processi fisiologici e patologici del cavo orale, è in grado di usare le tecniche e le attrezzature specifiche utilizzate nelle sessioni di igiene orale e sa insegnare ai pazienti il modo corretto di usare lo spazzolino da denti. Questa figura dovrebbe conoscere, nell’ambito delle proprie competenze, una lingua dell’Unione Europea (di fatto l’inglese), per tenersi professionalmente aggiornato e sa inoltre utilizzare i principali strumenti informatici. Conosce infine le norme che regolano l’organizzazione sanitaria e quelle che tutelano la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. L’Igienista dentale deve sapersi relazionare con la persona che sta curando, metterla a proprio agio e rassicurarla, sa anche lavorare in équipe ed è dotato di pazienza, sensibilità e di una buona manualità, per utilizzare al meglio gli strumenti con i quali opera.

Formazione:
Per accedere alla professione di Igienista dentale è necessario conseguire presso una delle Facoltà di Medicina e Chirurgia presenti in Italia la laurea triennale in Igiene dentale. L’accesso al corso è programmato annualmente su base nazionale secondo la Legge 264/99 (www.miur.it/iniziati/1999/legaccessi.htm), che determina anche le modalità di selezione per l’ammissione ai corsi di laurea delle professioni sanitarie. L’ammissione avviene previo accertamento medico dell’idoneità psico-fisica del candidato a svolgere questo tipo di lavoro. La laurea si consegue con il superamento di una prova finale che ha valore di esame di Stato abilitante all’esercizio della professione. Non è richiesta l’iscrizione ad alcun albo o ordine professionale. Con il corso di laurea specialistica in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Assistenziali questo profilo può acquisire nuove e più specifiche competenze per la gestione dei problemi organizzativi collegati alle procedure del management sanitario.

Situazione di Lavoro:
L’Igienista dentale può svolgere la sua attività in strutture sanitarie pubbliche (ospedali, ambulatori) o private (strutture che si occupano di pazienti cronici, handicappati o lungodegenti). Tuttavia questa figura opera in maniera prevalente presso studi dentistici privati o convenzionati e presso cliniche odontoiatriche. L’accesso alla professione nel settore pubblico avviene per concorso. L’Igienista dentale può lavorare in rapporto di dipendenza o libero professionale. Come dipendente, l’Igienista dentale è inquadrato nelle categorie C e D del CCNL (Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro) del personale sanitario e la retribuzione oscilla tra i 18.500 e i 20.500 euro lordi annui. Per quanto riguarda la libera professione è difficile stabilire un compenso medio, che può variare sensibilmente in base alla quantità e alla qualità delle prestazioni erogate: orientativamente il prezzo di mercato di una seduta di igiene si aggira sui 70 euro. In ogni caso, i guadagni ottenibili dall’esercizio della libera professione da parte di un Igienista dentale affermato (30-50 mila euro lordi l’anno ed oltre) sono nettamente superiori alle retribuzioni dei lavoratori dipendenti.

Gli Igienisti dentali operanti in Italia sono circa 2.200. Nelle strutture pubbliche la richiesta di questi professionisti è ancora troppo limitata, nonostante le loro competenze siano fondamentali, soprattutto per l’assistenza a pazienti lungodegenti, anziani e a persone immobilizzate che necessitano di cure quotidiane. Nel privato, invece, la richiesta di questa figura professionale è molto elevata, in particolare al centronord e nelle grandi città. L’Igienista dentale è una professione tipicamente femminile. A tutt’oggi, il 70% degli iscritti al corso di laurea sono donne e quindi non si prevedono, per il futuro, variazioni significative.

Figure Professionali Prossime:
La figura professionale più simile all’Igienista dentale è l’Odontotecnico. Con un percorso formativo integrato da una laurea in Odontoiatria, la figura professionale più vicina è ovviamente quella dell’Odontoiatra.